La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

Marzo 2020

 

Restare a casa,
questo è un po' il mantra che si ripete da giorni. E c'è chi lo sta facendo sul serio, da oramai quasi due settimane e lo fa per amor proprio, per amore degli altri e per il rispetto delle regole.
Restare a casa è dura, specie se si è costretti a farlo per giorni, forzatamente. Il tempo sembra non passare mai, le attività da fare sembrano esaurirsi o sono diventate noiose e uscire è un vero e proprio chiodo fisso. Eppure, restare a casa è l'unica cosa che possiamo fare per essere utili davvero.
Tutti avevamo dei progetti per queste settimane, perché tutti siamo abituati a dare per scontato le cose, e a vivere una giornata piena di attività da fare, con l'agenda sottomano con gli impegni da incastrare e con gli amici da incontrare. E ora? Ora ci è stato fornito del tempo per noi, per comprendere il valore di quel caffè preso tra amici, di un gelato con la nonna, di un abbraccio della mamma. Ora ci è stato concesso di fermarci a riflettere su quanto sia preziosa la libertà e di come tante volte la diamo per scontata. Ora è il momento di dimostrare che siamo persone responsabili e smettiamola di dire: ma che vuoi che sia una passeggiata al volo, che vuoi che sia una visita fugace al mio amico, che vuoi che sia. Smettiamola di sentirci furbi e speciali, smettiamola di trovare scuse e smettiamola di guardare l'altro. Questo è il tempo giusto per guardare a se stessi, per ritrovarsi e per fare qualcosa di buono.
Restiamo a casa, e per quanto possa essere dura, pensiamo che le cose torneranno alla normalità, che rinasceremo e sarà davvero primavera. 

Galleria di immagini